Dott.ssa Raffaella Varriale, Biologa Nutrizionista
Telefono +39.333.7993810

Condividiamo l’articolo di Elena Meli sul Corriere della Sera

Il metabolismo lento non giustifica del tutto i nostri chili di troppo, d’accordo; resta però il fatto che “svegliarlo” è sicuramente opportuno per aiutarci nella lotta contro la bilancia. Dai cibi “miracolosi” a veri e propri medicinali, quali sono i metodi utili e sicuri per consumare più energia e quali le strategie da evitare? «Della seconda categoria fanno parte sicuramente amfetamine e derivati: efficaci perché tolgono l’appetito, sono però molto dannosi perché vere e proprie droghe – osserva Luca Chiovato, endocrinologo dell’IRCCS Fondazione S. Maugeri di Pavia -. Altrettanto dannosi gli ormoni tiroidei: anche se sono allo studio analoghi che stimolino il metabolismo senza dare effetti su cuore, muscoli e ossa. Purtroppo farmaci veramente efficaci e sicuri per la terapia dell’obesità non sono ancora disponibili».

Provocarsi un ipertiroidismo per perdere qualche taglia non è il caso e lo conferma Francesco Trimarchi, presidente della Società Italiana di Endocrinologia: «Purtroppo è uno dei miti più resistenti, all’estero si trovano perfino integratori che contengono ormoni tiroidei: grazie a internet molti li acquistano ignari dei rischi, senza sapere che provocano soprattutto una perdita della massa magra e che, una volta interrotta l’assunzione, il peso torna inesorabilmente». No agli aiuti chimici, quindi, e meglio andarci piano anche con altri “trucchi”. «Arricchire la dieta di proteine, ad esempio, aumenta il metabolismo basale, però se si esagera sale il rischio di chetosi (ovvero l’accumulo di sostanze che rendono più acido il sangue, ndr)» osserva Chiovato.

CONTINUA: https://www.corriere.it/salute/14_febbraio_21/i-muscoli-fanno-smaltire-calorie-troppo-c71711aa-9ae0-11e3-8ea8-da6384aa5c66.shtml?refresh_ce-cp

ti posso aiutare?